La restituzione grafica è desunta dagli studi di Bellarmino Bagatti pubblicati nel 1958. Il pezzo di sinistra fu acquisito, all’epoca del ritrovamento, dall’attuale Museo SBF. Presso questo luogo la tradizione cristiana colloca il Lithostrotos, detto in ebraico Gabbatha (Gv 19,13), dove Gesù comparve davanti a Ponzio Pilato e fu condannato a morte. Un canale profondo, a volte rivestito di pietre levigate, separava la cittadella dalla collina di Bezetha. 1  Cappella della Condanna Fu così coperta la piscina nota col nome di Struthion, con una piazza lastricata introdotta da un arco monumentale – l’arco dell’Ecce Homo. Questo palazzo rettangolare di 160m x 135, conteneva appartamenti, corsi, alloggi militari, bagni. Il Litostroto della Fortezza Antonia Litostroto (in greco: lithostrotos, cioè: lastricato, selciato; in aramaico: gabbetha, gabbatha, cioè: dosso, rilievo, luogo alto). In seguito alla Prima Rivolta ebraica (66-70 d.C.) il generale romano Tito demolì la fortezza e dopo la Seconda Rivolta (132-135 d.C.) l’imperatore Adriano rimodellò quest’area della città. Nell’angolo nord-occidentale del Tempio ebraico Erode il Grande (re della Giudea dal 39 al 4 a.C.) edificò una fortezza che chiamò “Torre Antonia” dal nome del condottiero romano Marco Antonio, che aveva favorito la sua ascesa al trono. – Iscrizione romana rinvenuta in due parti fuori della porta di Damasco nel 1903 e nel 2014. Praetorium – nel Nuovo Testamento , il termine si riferisce alla fortezza Antonia di Gerusalemme , dove risiedeva il procuratore di Giudea Ponzio Pilato , e luogo nel quale viene collocato il processo a Gesù . Info - Agli angoli spiccavano le torri, tre delle quali erano alte 27m, mentre la IV dominava il tempio di 35m. – Frammento di architrave di una grande porta con fregio baccellato, riusato come gli altri pezzi, in murature posteriori Dettagli che più corrispondono al palazzo di Erode, non lontano dalla porta di Giaffa. Da nove secoli il punto di partenza della Via Dolorosa a Gerusalemme, il pretorio di Pilato o luogo della Condanna di Gesù, è segnalato nella presente posizione presso l’angolo nordovest della spianata delle moschee. Che si tratti del palazzo di Erode lo sostiene anche Shimon Gibson, professore di archeologia all'università di Charlotte in Nord Carolina, secondo il quale il Vangelo di Giovanni descrive un luogo vicino ad una delle porte di Gerusalemme con un pavimento irregolare di pietra. Delle porte per le guardie e una scala collegavano l'Antonia ai portici nord e ovest del Tempio. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Elementi già appartenuti al Tempio ebraico o all’Antonia (I sec. Il sito archeologico e i reperti rinvenuti, dopo un attento restauro, vengono esposti in una nuova veste ordinata e suggestiva. La fortezza Antonia, o torre Antonia, era un edificio che sorgeva presso il lato settentrionale del tempio di Gerusalemme, sede della guarnigione romana che controllava la città. C  Resti del Lithostroton D  Arco dell’Ecce Homo Copyright 2009 All Rights Reserved RomanoImpero - d.C.), – Frammento di colonna scanalata con capitello ionico Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici di terze parti. Nell’area indicata da un’antichissima tradizione come il luogo della Fortezza Antonia e del Pretorio nel quale Pilato giudicò e condannò Gesù (leggi gli approfondimenti), lo Studium Biblicum Franciscanum (SBF) ha individuato e studiato un sito archeologico nel quale ha messo in luce importanti reperti antichi. La pianta rappresenta la complessità del sito, ricco di testimonianze archeologiche stratificate non sempre di univoca interpretazione e datazione. Castro Pretorio – a Roma, edificio dove risiedeva la guardia pretoriana. – Frammenti di soffitto a volta con rilievi a meandro. La fortezza Antonia, o torre Antonia, era un edificio che sorgeva presso il lato settentrionale del tempio di Gerusalemme, sede della guarnigione romana che controllava la città. I Vangeli parlano del pretorio, termine che indica il luogo dove il pretore esercitava il suo potere. La narrazione evangelica (Gv 18,28ss) dà questo nome ad un luogo situato di fronte al pretorio, nel quale i giudei non vollero entrare perché, essendo la vigilia di Pasqua, non volevano contaminarsi. – Ara romana con corona d’alloro (II-III sec. La Fortezza Antonia nel plastico dell'Holy Land Hotel Nel Nuovo Testamento Una tradizione che risale al Medioevo indica nella Fortezza Antonia il luogo dove fu tradotto Gesù arrestato, per esservi processato da Pilato e da dove iniziò la sua via dolorosa verso il Calvario. Alla sua porta orientale, un passaggio sotterraneo, sul quale Erode elevò una torre, sboccava all'interno del tempio. d.C.) rinvenuta in loco all’inizio del XX sec. A  Area della Torre Antonia (Agostino Calmet - Storia del Nuovo e Antico Testamento), - Giulio Firpo - Le rivolte giudaiche - Editore Laterza - 1999 -, IN PRIMO PIANO IL TEMPIO DI GERUSALEMME, DIETRO LA FORTEZZA ANTONIA, IL TEMPIO DI GERUSALEMME CON LA FORTEZZA DI ANTONIA EVIDENZIATA IN ROSSO, PARETE MERIDIONALE DELLA FORTEZZA ANTONIA. B  Piscina detta Struthion che domina i dintorni. La sede del governatore, cioè il pretorio di Gerusalemme, non è nota con chiarezza e sono state proposte alcune ipotesi: la fortezza Antonia, posta a ridosso del lato settentrionale della spianata del tempio. È la Prima Stazione della Via Crucis, dove una roccia elevata ed ampia faceva da fondamento ad una fortezza erodiana, la Torre Antonia, così chiamata dallo storico ebreo Giuseppe Flavio (Guerra … 2  Convento della Flagellazione 5  Scuola pubblica “Omariyya”. Il procuratore romano della Giudea vi risiedeva quando si trovava a Gerusalemme, ma ordinariamente risiedeva a Cesarea marittima. Il procuratore romano della Giudea vi risiedeva quando si trovava a Gerusalemme: ordinariamente risiedeva a Cesarea marittima. a.C. – I sec. - Quintilliano, il graduato di Cesarea Marittima; La fortezza è situata su una roccia alta 27m. Privacy e Cookies. 3  Via Dolorosa 4  Convento di S. Maria di Sion Le sue mura si ergevano a 21m sulla roccia di Bézatha su cui era costruito. Nell’area indicata da un’antichissima tradizione come il luogo della Fortezza Antonia e del Pretorio nel quale Pilato giudicò e condannò Gesù (leggi gli approfondimenti), lo Studium Biblicum Franciscanum (SBF) ha individuato e studiato un sito archeologico nel quale ha messo in luce importanti reperti antichi. Custodito per molti decenni in forma di “Lapidarium”, ora questo suggestivo spazio, ospitato al piano terreno dal bell’edificio tardo ottocentesco sede anche dello SBF, propone al grande pubblico il Museo multimediale “Via Dolorosa”.

Manifestazione 30 Maggio Diretta, 14 Giugno 2020 Che Santo è, Lepanto Dove Si Trova, Incidente Mortale Palermo Ieri, Tanqueray Sevilla Gin, Hotel Los Angeles Prezzi, San Ranieri Patrono,

0 0