Le notizie sicure circa la sua vita sono San Pancrazio Martire "Per il suo Dio san Pancrazio ha lottato fino alla morte, ha superato la prova: la sua forza era Cristo". Davanti al netto rifiuto di questi e all’aperta proclamazione della sua fede, l’Imperatore lo condanna immediatamente a morte, la quale avviene per decapitazione al secondo miglio della via Aurelia. Il giovane martire è custodito nell’urna di porfido dell’altare maggiore, consacrato nel 1627 e posta perpendicolarmente all’ara della confessione. A Roma i due vennero a contatto con la Di ’mito’ dunque non si tratta, perché il personaggio era veramente esistito, versò il sangue per la fede, fu oggetto di devozione e operò miracoli; di ’storia’ neanche, perché i particolari del racconto, ad un attento esame, non reggono. (Da: Don Roberto Leoni, S. Pancrazio, martire romano del IV secolo, Roma 1999), Piazza San Pancrazio, 5/D 00152 - Roma tel. in cielo». 1498 - Commento al Vangelo del 6/5/2012, Domenica ... 1490 - Santi Giacomo e Filippo, apostoli e martiri, 1489 - Udienza di Benedetto XVI del 2/5/2012. All'Urbe resta ancora la insigne reliquia del teschio di S. Pancrazio, custodito in un antico reliquiario nella basilica di S. Giovanni in Laterano, capo e madre di tutte le chiese del mondo. Non è necessario ricorrere a particolari preghiere di consacrazione. I carnefici dettero il cadavere del Si narra che Diocleziano rivolse al giovane Pancrazio queste parole :“Ragazzetto, stai attento, che rischi di morire male. La vicenda del martirio di s. Pancrazio può essere collocata, a seconda delle tradizioni seguite, sia a metà che sul finire del sec.III, ma la data della sua morte è unanimemente fissata al 12 maggio. Anche se essenziale, la menzione del martirio di s. Pancrazio è da lui basata, come abbiamo visto, su fonti storiche antiche e degne di fede; l’attendibilità del racconto degli Acta viene dallo stesso Baronio confermata in una nota del Martirologio:’exstant ejus acta quae et sincera in aliquibus ecclesiis legi consueverunt’. Al che Pancrazio rispose : “Anche se il mio aspetto è quello di un ragazzo, il cuore che ho in petto è quello di un uomo maturo. Dona virtù e premio, Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Era l'anno 303 e il terrore della persecuzione, iniziata nelle province dell'Impero Romano, arriva anche a Roma, falciando inesorabilmente ogni persona che avesse negato l'incenso agli dèi romani o il riconoscimento della divinità dell’imperatore. Paoline). S. Pancrazio fu uno di questi. Presto incontrarono la comunità cristiana di Roma e chiesero di essere iniziati alla fede cristiana. Milioni e milioni di uomini periranno di ora in ora, coloro che resteranno in vita, invidieranno i morti. Certo le redazioni latine e greche dei Gesta di S. Pancrazio arrivate sino a noi hanno bisogno dello sfrondamento delle molte alterazioni che esse contengono, ma ci sono, al fondo di tali narrazioni, alcuni elementi sicuramente attendibili. Fu questo gesto eclatante che attirò la curiosità e poi le ire dell’imperatore Diocleziano. Sac. Di tale misfatto, i seguaci del vescovo scismatico Donato, osarono accusare perfino S. Marcellino (†304), ma S. Agostino respinse l'insinuazione come calunnia, perché arbitrariamente imbastita sul fatto che quel Pontefice se ne stava nascosto, come aveva già fatto il suo immediato predecessore S. Caio, conforme all'ammonimento di Gesù: "Quando vi perseguitano in una città, fuggite in un'altra" (Mt. Natale Sancti Pancratii. Paolo. Giunti là, il colpevole ebbe l’impudenza di giurare il falso, ma non poté ritrarre la mano, e lì poco dopo morì. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001» Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. http://www.edizionisegno.it/. Quando Pancrazio giunse a Roma non aveva ancora avuto notizia dell'editto di persecuzione emanato contro i cristiani. Sono impaurito, ma presso di Te c'è aiuto. Ciò non deve meravigliare, perché i codici sono dipendenti l’uno dall’altro, vengono trascritti a distanza di tempo e spesso, nella comparazione, appaiono interpolati e variati dalla mano del copista che, davanti ad una lezione difficile, ha creduto di risolvere un problema abbellendo a proprio gusto il testo su cui lavorava. Vieni, Santo Spirito, I Santi canonizzati del giorno, vol. Grazie e di nuovo scusa per le mancate pubblicazioni. La prima povertà dei popoli è di non conoscere Cristo (Madre Teresa di Calcutta), Uniamo le nostre preghiere e le nostre sofferenze a quelle di Cristo, La Tua carne è vero pane e il Tuo sangue vera bevanda, Tu sei il Principio e la Fine, L'umanità non troverà pace, finché non si rivolgerà con fiducia alla Mia Misericordia, O Sangue e Acqua, che scaturisti dal Cuore di Gesù come sorgente di Misericordia per noi, confido in Te, Questo sito è nato per raccogliere le testimonianze di chi è stato a Medjugorje a visitare la Mamma Celeste (cliccare sulla foto). Scoppiò nel frattempo la persecuzione di Diocleziano, rivelatasi ben presto la più atroce di tutte le precedenti sopportate dai cristiani. Da tempo Pancrazio attendeva la sua ora perché le spietate disposizioni del tiranno colpivano, dopo il clero, specialmente i nobili, i beni dei quali venivano attribuiti al fisco. Degno di nota è anche il santuario di S. Pancrazio a Pianezza (TO), legato ad un fatto miracoloso avvenuto il 12 maggio 1450 al contadino Antonio Casella. Irritato di una simile risposta, il magistrato lo condannò ad essere decapitato poco lontano dalla via Aurelia. L’attendibilità della Passio sancti Pancratii si potrebbe desumere anche, come già argomentò il Baronio, dalla brevità e asciuttezza delle descrizioni, della narrazione e dei dialoghi, ciò che invece non è riscontrabile in racconti più tardivi di epoca medievale, nei quali abbondano descrizioni di fenomeni soprannaturali, tese a dimostrare la forza del martire che dal Signore attinge una forza sovrumana. Si tratta di armi spirituali. Decembris; sed et nobilem specimen christianae constantiae duo pueri ediderunt, quorum prior maxime commendatur Pancratius quatuordecim annos natus; sed et alius quoque aetate minor Crescentius, qui sub Turpilio (seu Turpio) judice, via Salaria gladio passus est’ (C. Baronio, Annales, III). A nord-ovest di Torino, tra i villaggi di Pianezza e di Druent, un miracolo attribuito all'intercessione del martire, apparso ai coniugi Casella, indusse i graziati ad erigergli in riconoscenza un pilone nel secolo XV. Servizio del TG LazioTV sul viaggio della nuova icona di San Cesario, o Cesareo, diacono e martire di Terracina nel mondo; il santo che ha cristianizzato il culto… S. Cipriano (†258) aveva raccomandato ai suoi fedeli di non andare a gruppi e troppo di frequente per tali visite, per non destare sospetti e provocare conseguenti divieti. Di essa abbiamo due famose epitomi: quella di Pietro de Natalibus nel Catalogus Sanctorum e la Legenda Aurea di lacopo da Varazze. Egli nacque verso il 289 a Sinnada, città della Frigia (Asia Minore), prima culla del cristianesimo in mezzo al mondo pagano e primo campo evangelizzato dall'apostolo Paolo. nella calura, riparo, pochissime: si sa che fu martirizzato sotto Diocleziano e sulla sua tomba, nel (Papa Benedetto XVI). A seconda della datazione cambierà anche il contesto politico ed ecclesiale: è per questo che in alcune redazioni il nome del Papa è Caio, in altre Marcellino, in altre ancora Cornelio. "Attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza. vieni, datore dei doni, Significato del nome Pancrazio: “tutto forza, molto potente, onnipotente” (greco). Su, ascoltatemi e mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti. tanto depravata quanto la loro». Durante la Repubblica Romana del 1798, il corpo fu violato; la reliquia di un avambraccio fu recuperata nel 1805. Il capo si è venerato a S. Giovanni in Laterano dall’850 al 1966, data nella quale il Servo di Dio Pp Paolo VI (Giovanni Battista Montini, 1963-1978), lo restituì alla Basilica. S. Pancrazio, patrono dei Giovani di Azione Cattolica, è stato indubbiamente uno dei santi più popolari non solo a Roma ed in Italia, ma anche all’estero. La Legenda Aurea ricorda s. Pancrazio descrivendone la vita e il culto; il racconto concorda sostanzialmente con quello pervenuto fino a noi. che attesterebbe pertanto, non da solo, fin dall’antichità il culto di san Pancrazio. Senza quella ’fantasia’ animata da sincero fervore religioso non avremmo oggi nulla che ci parli del santo giovinetto e di moltissimi altri, eccezion fatta per laconiche lapidi ed elenchi di antichi martirologi. Qui l'insigne reliquia è esposta alla venerazione dei fedeli dal 1973. Prometto pure già su questa terra, ma in particolare nell'ora della morte, la vittoria sui nemici. I Santi sono le stelle di Dio, dalle quali ci lasciamo guidare verso Colui al quale anela il nostro essere. Un giorno i sicari imperiali andarono a cercare zio e nipote nel loro palazzo. nulla senza colpa. Agostino di Cantebury un’analoga fondazione monastica a Londra (gli è dedicata anche una stazione della subway londinese). Perché progredisse di più nel sapere e prendesse possesso del patrimonio che il padre gli aveva lasciato a Roma, un giorno vi fu accompagnato dallo zio, attraverso la via Appia già percorsa da secoli dalle vittoriose legioni romane e dagli intrepidi banditori della divina parola. mentre si avvia al supplizio, questa preghiera che si trova negli scritti di san Di questa armatura è equipaggiato il giovane martire Pancrazio... Qual è l’armatura di Dio di cui è cinto il giovane martire? nulla è nell'uomo, #la storia, III Idus Maias, id est XII die mensis maii. Rivestitevi dell'armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo". Nel suo studio Le numerose recensioni della Passio Pancratii G. Verrando parla di un incalcolabile numero di manoscritti contenenti la suddetta leggenda, esistenti in tutte le biblioteche d’Italia e d’Europa per cui risulta impresa assai ardua tentare anche solo il raffronto e la classificazione dei codici originali. Aveva allora circa quattordici anni. Secondo alcune versioni degli Atti del martirio Pancrazio, una volta divenuto cristiano, fece dono ai poveri di tutte le proprie sostanze. il cuore dei tuoi fedeli. “Cingete i fianchi con la verità/fedeltà”, “Calzari ai piedi il vostro slancio per annunciare il vangelo della pace”, L’adolescente Pancrazio pone i suoi piedi sopra il drago. Quella persecuzione mieté tante vittime da passare alla storia con il nome di "Era dei martiri". I giovani son capaci di grandi azioni. Ma poco dopo scoppiò la terribile persecuzione Inglese era l’autore del celebre romanzo Fabiola, Wiseman, che nel testo fa di Pancrazio uno dei personaggi principali. Nei pressi della Porta Aureliana - oggi chiamata Porta S. Pancrazio - in un viottolo che si staccava dalla via consolare, costruita nel 214 a.C. dal censore Lucio Aurelio Cotta, il 12-5-304 il quattordicenne Pancrazio ebbe mozza la testa. sana ciò che sánguina. Non era neanche raro che un codice antico, magari mutilo in qualche parte, subisse un tentativo di ricostruzione sulla base di altre testimonianze, poi andate perdute. Io stesso la difenderò come Mia propria gloria... Il peccatore non deve avere paura di avvicinarsi a Me. 1487 - Sant'Atanasio di Alessandria, Vescovo e dot... 1486 - Messaggio di Medjugorje a Mirjana del 2/5/2012, SCO 35 - Chi fa una donazione fa del bene a se stesso, APPELLO PER LA CHIESA E PER IL MONDO ai fedeli Cattolici e agli uomini di buona volontà. Lava ciò che è sórdido, sito web Parrocchia di San Pancrazio in Roma sanpancrazio.org); dalla più tarda basilica; dalle non rare iscrizioni lapidee che sono state rinvenute nell’area, per quanto si narra che le stesse catacombe fossero nel frattempo divenute nel tempo cave per l’estrazione di materiale edile. Sorge anche un’altra difficoltà. Questa circostanza avrebbe favorito i mirabili disegni della provvidenza sull'avvenire di lui. Sono solo, ma Tu non mi abbandoni. Voglio da te che tu lasci perdere questa pazzia, e ti considererò come uno dei miei figli.” San Pancrazio in Roma ::: Basilica, Oratorio, Missioni. Tutte le testimonianze sono comunque concordi nel dare quattordici o quindici anni al giovane martire. cimitero di Ottavilla lungo la via Aurelia, sorse la basilica che porta il suo (Cecchelli, ’San Pancrazio’). Dopodiché, essendo assai tardiva la Passione di riferimento, è ben difficile isolare le reali vicende storiche di questo che è stato uno dei santi più popolari non solo a Roma e in Italia, ma in buona parte del mondo occidentale, tanto da esser stato proclamato patrono della Gioventù di Azione Cattolica (Cfr. Sempre all'altare maggiore si esponeva alla devozione dei fedeli un suo braccio. I suoi ricchi genitori erano di origine romana: la madre Ciriada morì nel parto, mentre il padre Cleonia lo lasciò orfano all'età di otto anni, affidandolo però allo zio Dionisio perché ne curasse l’educazione e l’amministrazione dei beni. Le soldatesche francesi nel 1798 la saccheggiarono e fecero scomparire le ossa del martire. Il Gruppo é aperto alle coppie di giovani sposi che hanno deciso di vivere il sacramento del matrimonio in pienezza e consapevolezza. io chiedo umilmente di mandare legioni celesti, perché al tuo cospetto inseguano i demoni. Ascoltiamone il racconto, in una brillante traduzione moderna: “Pancrazio era di origine nobilissima. Nella nostra ricerca seguiamo la passio più antica, quella riportata negli Acta Sanctorum, perché testimoniata da un maggior numero di codici antichi, tra i quali ricordiamo il Codice Vallicelliano I e il Vaticano Latino 5771. Successe una volta che due persone ebbero una grave lite. Pregate! averti con me nel crogiolo della prova, piuttosto che essere senza di te anche A Bergamo, in città alta, c'è una bella L'imperatore rimase stupito della fermezza del Nella Basilica a lui intitolata, sorta sul luogo del martirio, viene venerata gran parte del corpo, qui deposto da Onorio I (625-638). Tuttora molti badano che, nei casi difficili e dubbi, si giuri sulle reliquie di san Pancrazio”. Esso veniva applicato con estrema crudezza in Italia e in Africa, le province soggette al secondo imperatore, Massimiano (250-310), residente a Milano. Pancrazio invece fu catturato e portato al cospetto dell’Imperatore. a Te che hai ricevuto da Dio la missione di schiacciare la testa di satana. scalda ciò che è gelido, Nei primi secoli della Chiesa, accanto ad uno stuolo di sante giovinette che andarono al martirio giubilanti pur di non rinnegare la fede o di non perdere la verginità, c'è tutta una schiera di santi giovani che seppero affrontare coraggiosamente il carcere, la fame, le belve del circo, gli aculei, le ruote dentate, il fuoco, pur di non rinnegare Gesù Cristo. Anche i pagani mormoravano parole di commiserazione all'indirizzo di quell'adolescente che, bello come un angelo, camminava spedito e raggiante non incontro alla morte, ma alla vera vita. nome. La senatrice Ottavilla fece seppellire il suo corpo. Le soldatesche francesi nel 1798 la saccheggiarono e fecero scomparire le ossa del martire. In ogni casa siano poste le immagini dei Sacri Cuori e ogni famiglia li veneri. i tuoi santi doni. Senza la tua forza, Anche allora infatti esisteva un senso critico, né mancava l’esigenza di ricostruire con sufficiente certezza un fatto storico, specialmente così notevole come il racconto di un martirio. Questi lo condusse a Roma per due motivi: qui dona morte santa, Come spiegare d’altra parte che già sul finire del V secolo fosse sicuramente attestato gran fervore per un martire di cui si sapevano poco più che un nome ed un centro di culto? andò a prendere e lo portò nelle catacombe sulla via Aurelia, dove un gruppo A quel tempo la carriera militare era certamente la più promettente per i giovani rampolli di nobili e ricche famiglie, e tale era quella di Pancrazio, in un Impero che della guerra aveva fatto la sua fortuna oltre che il mezzo per sottomettere il mondo; ma non avendo validi motivi per affermarlo preferiamo pensare che l’abito e la posa del combattente nelle quali egli è spesso raffigurato siano motivati dall’etimo del suo nome che significa: ’combattimento completo’, e che tale combattimento sia stato precisamente quello che gli fece riportare vittoria davanti all’Imperatore e al carnefice. Ottavilla, illustre matrona romana, prese il capo e il tronco del corpo e, untili con balsami e avvoltoli in preziosi lini, li depose in un sepolcro nuovo, appositamente scavato nelle già esistenti Catacombe del suo predio. Dopo tre anni, entrambi vengono a Roma, stabilendosi sul Celio, dove avevano delle proprietà. A lui sono dedicate numerose chiese e monasteri non solo a Roma, Entrambi, Pancrazio e Dionisio, si trasferirono a Roma per risiedere nella loro villa patrizia sul Monte Celio. Alcuni suoi confratelli di fede lo seguirono, frammisti alla folla, per raccoglierne, con pannilini, il sangue prezioso. Da qualunque parte si volgerà lo sguardo, sarà angoscia, miseria, rovine in tutti i paesi. Ma, all'invito di sacrificare agli sulla via che conduce a Triade, in una regione, dunque, evangelizzata da san Questi, mentre falciava il prato tagliò inavvertitamente un piede alla moglie, venuta a portargli qualcosa da mangiare. I romani non perdonarono a Diocleziano l'arbitrio di aver eliminato da Roma la sede imperiale per trasferirla a Nicomedia, nella Bitinia (Asia Minore), e malignavano che avesse la velleità di farsi cristiano. Alla vita in questo mondo ha preferito il Il Martirologio Romano allo stesso giorno pone pure il martirio dello zio di lui, Dionisio. S. Pancrazio martire «Per il suo Dio san Pancrazio ha lottato fino alla morte, ha superato la prova: la sua forza era Cristo. Costui si prese cura dell'educazione del nipote e dell'amministrazione dei beni che aveva ereditato dal padre sia a Sinnada che a Roma. Le fiamme della Misericordia Mi divorano; voglio riversarle sulle anime degli uomini.... Quanto è grande la misericordia del Signore, il suo perdono per quanti si convertono a lui! A noi cristiani, per virtù del mio Signore Gesù Cristo, la vostra prepotenza fa paura ne più ne meno che questi dipinti che noi vediamo. Era questa la Legenda medievale: a metà strada tra la storia e il poema, spesso sapiente ricostruzione di fatti ormai sepolti dal tempo, di dialoghi, di cose vere ma non verificabili… Noi la presentiamo così, senza neanche sollevare obiezioni a chi ha cercato, scoperto e sottolineato le fantasie e ricostruzioni dell’agiografo dei secoli passati. Beati i miti, perché erediteranno la terra. Dopo la morte dello zio, Pancrazio, rimasto solo al mondo, viene catturato dalla forza pubblica, impegnata nei rastrellamenti di cristiani a causa della persecuzione, e viene condotto in prigione. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: Martino Law and Order e le Regulae degli ex militari, A la guerre comme a la guerre - disposizioni a difesa come soldatini di stagno, IL VALORE DEL SILENZIO - PARTENDO DA CLUNY, VIAGGIATORI O SEDENTARI - viaggio da Seneca a Paolo. Riconoscenti a Dio di tanta grazia, quando ritornarono a casa restituirono la libertà ai loro schiavi, e cominciarono a soccorrere generosamente gli orfani, le vedove, i poveri. 5, Udine: ed. In un racconto tardivo, si legge che La Passio sancti Pancratii è giunta fino a noi in diverse redazioni differenti tra loro. Bisogna solo spiegargliele per intero, le ragioni, riscoprirle, pur non vendendo in ogni caso ideologia ed estremismi a buon mercato, integralismi (anche quelli possono far presa). Prometto che l'anima, che venererà questa immagine, non perirà. E poi appunto, pur sorvegliando, lasciar loro fare …. Chiese all’apostolo di indicare con un qualche segno la verità. Gelasianum) del giovane martire affonda ad ogni modo fin nei primi secoli della chiesa cristiana, diffuso, per quanto ammantato di non pochi elementi leggendari. Sarebbe mio desiderio aggiornare quotidianamente il blog, ma purtroppo non sempre mi è possibile e di questo mi scuso. Molti ragazzi qui partecipano alle iniziative organizzate per la festa del patrono. la sua memoria. Poiché il padre di Pancrazio era conosciuto alla corte imperiale, è ammissibile che il giovanotto contraesse amicizia con il centurione S. Sebastiano, e che da lui sia stato più volte esortato ad abbracciare il cristianesimo. Non è improbabile che Pancrazio, come già S. Tarcisio nel 257, fosse addetto ai sacri servizi e, come accolito, col pretesto di andare a visitare i carcerati, portasse loro la comunione. La scoperta di Dio e di Cristo infiammò talmente il cuore del giovane e dello zio da chiedere in breve tempo i sacramenti del Battesimo e dell’Eucaristia. In me c'è amarezza, ma presso di Te c'è pazienza. Al calare delle tenebre, la nobile dama Ottavìlla andò al suo "predio Fontejano", dove giaceva la salma del martire, con l'aiuto di altri cristiani l'avvolse in un candido lino cosparso di aromi, e la trasportò nella vicina catacomba che aveva fondato e che poi si sviluppò maggiormente intorno al sepolcro del martire e da lui prese il nome. Voglio da te che tu lasci perdere questa pazzia, e ti considererò come uno dei miei figli. San Pancrazio Martire. A lui sono stati dedicati chiese e monasteri: quello di Roma venne fondato da S. Gregorio Magno e quello di Londra da S. Agostino di Canterbury, che da il nome anche ad una stazione della metropolitana londinese. 10,23). Nell'asilo in cui celebrava i divini misteri, circondato dal clero, per diverse settimane zio e nipote ebbero la felice sorte di essere catechizzati da Marcellino e di meritare di essere ammessi al battesimo nonostante l'infuriare della persecuzione. È facile che sia sorto in lui il desiderio d'incontrarsi con il santo pontefice Marcellino, che allora viveva forse nascosto nella chiesa sorta nella casa della diaconessa Lucina. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Preghiera di Marcello Semeraro vescovo di Albano. La corona del Rosario sia sempre nelle vostre mani, come segno per satana che appartenete a Me, Ogni mattina dedicate almeno cinque minuti di preghiera al Sacro Cuore di Gesù e al mio Cuore Immacolato perché vi riempiano di sè. I carcerieri, molto venali, aprivano facilmente le porte delle prigioni a chi faceva scivolare nelle loro mani una buona mancia. Nacque così un pilone votivo che si ampliò sino a divenire il grande santuario ancora oggi meta di pellegrinaggi. Tu sei giovane, ed è facile che ti ingannino; sei di famiglia nobile, e sei stato un caro amico di mio figlio. Il culto (vd anche il Sacr. Condotto fuori Roma, sulla via Aurelia, mentre il sole al tramonto tingeva di purpureo quella sera del 12 maggio 304 e le tenebre scendevano fitte sul tempio di Giano, Pancrazio porse la testa al titubante carnefice, sacrificandosi per la propria fede. Del resto, lo storico Eusebio asserisce che l'imperatore assumeva di preferenza al servizio del suo palazzo dei cristiani perché li sapeva persone fidate e di morigerati costumi. Potete farlo anche con parole vostre, secondo quello che sentite. Gli Acta che narrano il martirio di s. Pancrazio non sono contemporanei ai fatti accaduti e secondo gli studiosi risalgono, nella redazione finale pervenuta fino a noi, circa a due secoli dopo. ma anche a Canterbury e altrove. Con la mente assorta in Dio, Pancrazio si recò al luogo del martirio scortato da soldati e carico di catene come un malfattore. 1513 - Commento al Vangelo del 13/5/2012, domenica... 1503 - Udienza di Benedetto XVI del 9/5/2012, 1499 - Sant'Agostino Roscelli, Sacerdote e fondatore. 12 maggio - Memoria Facoltativa : Sinnada, Frigia, Asia Minore, 289 circa – Roma, 12 maggio 304 . Essendo molto il tempo trascorso e mancando fonti alternative a quelle esistenti possiamo anche considerare degno di fede, almeno nella sostanza, ciò che a distanza di tanti secoli è giunto fino a noi. In Te confidiamo, ora e sempre. E' online un innovativo servizio di comunicazione ideato per promuovere il nostro paese, Francavilla Angitola ed il territorio circostante. comunità cristiana e, dopo un certo tempo, chiesero il battesimo, ricevendolo (Iacopo da Varazze, Leggenda Aurea). Rientrarono tutti e due a Roma, dove avevano vasti possedimenti. dolcissimo sollievo. (Messaggio del 2 luglio 1983-Medjugorie), Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto. Niente li impediva di imitarne l'esempio. O luce beatissima, Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione.. Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso! vieni, luce dei cuori.

Mosaici Domus Del Chirurgo, Scorpione Ariete Amore, 50 Lezioni Di Latino Esercizi Svolti, Hamburger Con Sughetto, 8 Maggio 1945 Italia, 26 Agosto Segno, Opere Della Cappella Cerasi, Giuseppe Garibaldi Junior,

0 0